lunedì 23 dicembre 2013

Scrivilo per noi: la storia di Self Dreamers




Oggi Scrivilo per noi ospita Marie Albes, autrice di Dryadem e ideatrice di Self Dreamers, la community italiana del self-publishing. Di che cosa si tratta? Di un gruppo di autori che si uniscono e a vicenda si aiutano e creano iniziative volte a far conoscere le loro opere a un pubblico il più vasto possibile. 

Chi sono i Self Dreamers, ma soprattutto di cosa si tratta?
Self Dreamers è un progetto, prima di essere un gruppo di persone.
Gli autori che mi conoscono, benché virtualmente, sanno che considero la nostra condizione di esordienti simile a quella dei marinai in mezzo a una tempesta: inutile tirarsi i remi l'uno contro l'altro, meglio remare insieme e questo perché il mondo dell'editoria è peggiore di qualsiasi naufragio.
È probabile che resteremo sempre e solo dei sognatori e forse nessuno di noi riuscirà a firmare il fantomatico contratto editoriale, ma vale la pena di stringersi la mano e di aiutarci a vicenda, in modo da far conoscere le nostre opere a un pubblico il più vasto possibile.


consulenza gratuita per autori

giovedì 19 dicembre 2013

I migliori libri del 2013 secondo il Guardian: thriller e polizieschi




Prima di prenderci qualche giorno di pausa dal blog, ci congediamo dall'anno che sta terminando con un classico di questo periodo: la classifica del meglio del 2013. Il meglio dei libri usciti quest'anno, secondo l'autorevole Guardian, che ha stilato una serie di classifiche, e noi abbiamo scelto quella dei thriller e dei polizieschi.

Giocoforza si tratta di romanzi ancora inediti in Italia, e chissà quando li vedremo, ma il Guardian è andato a pescare titoli molto particolari, e soprattutto opere prime.
Cominciamo con Norwegian by night, romanzo di debutto dello statunitense Derek B. Miller, che è stato segnalato anche da The Times. È la storia di un 82enne ex marine e vedovo, che da New York si trasferisce a Oslo dove si ritrova a fuggire assieme al figlio di 6 anni del vicino di casa assassinato.
Un altro personaggio molto riuscito nei thriller di quest'anno è il guerriero Masai, diventato poliziotto, protagonista di The Honey Guide, opera prima di Richard Crompton, che può contare su un'altra ambientazione insolita: il Kenya del 2007 durante le elezioni che scatenarono la violenza tra etnie.
È ambientato in Africa anche City of Blood di MD Villier, e in particolare nei sobborghi di Johannesburg.

Altro romanzo di esordio (in questo caso già uscito in Italia per i tipi di Guanda, con il titolo Un caso di scomparsa) viene invece da Israele, e si tratta di The missing file di Dror A. Mishani. Il protagonista, il poliziotto Avraham Avraham, è sicuro che a Tel Aviv non possano accadere crimini come rapimenti o delitti di serial killer, ma dovrà presto ricredersi. Il romanzo mescola abilmente il genere poliziesco con le caratterizzazioni e le nevrosi tipiche della narrativa ebraica.

consulenza gratuita per autori

martedì 17 dicembre 2013

A proposito di… i corsi di formazione gratuita del Quadrotto



Cari lettori, in questa ultima settimana prima del Natale vorremmo riprendere a parlarvi dei nostri corsi. Perché si sa, quando una cosa è gratis la diffidenza viene spontanea e così abbiamo deciso di raccontarvi un po' cosa c'è dietro questa nostra iniziativa.

Innanzitutto, la nuova sede. Come avrete letto, il Quadrotto si è da poco trasferito in una nuova redazione, per venire incontro a esigenze di rinnovamento e ampliamento. Sfidando la crisi, stiamo crescendo, e vogliamo farlo anche con voi.

Come? Coinvolgendo nuove persone nel nostro lavoro. Nuovi autori (anche per loro ci sono tante opportunità gratuite, come il servizio di consulenza e valutazione) ma anche nuovi redattori che potrebbero, in futuro, diventare nostri collaboratori.

Ed è per questo che abbiamo deciso di affiancare, al tradizionale progetto di didattica a distanza, anche una serie di corsi dal vivo, interamente gratuiti. I corsi saranno a numero chiuso, previa selezione, per garantire un ambiente di apprendimento ideale e tratteranno di tutti i temi del lavoro redazionale. Gli allievi impareranno dunque a:

  • redigere schede di lettura di manoscritti inediti
  • revisionare un testo
  • gestire i rapporti con gli autori e gli editori
  • impaginare in ambiente Adobe
  • creare un ebook
  • correggere le bozze 
  • seguire tutta la fase di prestampa e lavorazione del libro


consulenza gratuita per autori

lunedì 16 dicembre 2013

Classifiche: i libri più venduti in Francia




Prosegue il giro del mondo per classifiche editoriali grazie ad Amazon. Oggi è la volta dei nostri cugini d'Oltralpe.


1) Jean-Yves Ferri, Didier Conrad, Asterix chez les Pictes
I francesi sono grandi amanti della letteratura disegnata, non ci si deve stupire se nella classifica troveremo diversi titoli di "Bandes Dessinées". Asterix chez les Pictes è l'ultima avventura in ordine di tempo del celebre gallo creato da Goscinny e Uderzo, ed è anche la prima scritta e disegnata da autori diversi da quelli originali, dopo il ritiro dalle scene di Uderzo. Trentacinquesima avventura di Asterix, vede il gallo e l'amico Obelix partire per la Caledonia per aiutare il pitto Mc Keron.

2) Stephane de Groodt, Voyages en absurdie
Attore e umorista belga con un passato da pilota, de Groodt ha conquistato la fama grazie ai suoi giochi di parole e agli sketch surreali in radio e televisione. In questo libro raccoglie alcuni dei suoi testi migliori, che per certi versi lo accostano al nostro Alessandro Bergonzoni.

3) Pierre Lemaitre, Au revoir là-haut
Vincitore del Premio Goncourt 2013, il romanzo di Pierre Lemaitre arriverà in Italia fra qualche mese per Mondadori con il titolo Arrivederci lassù. Ambientato in Francia immediatamente dopo la Grande guerra, è la storia di due ragazzi che devono ritrovare il loro posto nella società, ma soprattutto è la storia di un paese a pezzi.

4) Jean Dufaux, Antoine Aubin, Blake & Mortimer 22, L'onde septimus
Altro fumetto in classifica, è il ventiduesimo volume della saga di Blake & Mortimer, rispettivamente capitano dei servizi segreti britannici e fisico nucleare. Dopo la morte del creatore Edgar Jacobs, ci hanno pensato altri team di autori a tenere in vita la saga.

5) Philippe Geluck, La Bible selon le Chat
Le strisce comiche con protagonista Le Chat, il gatto, sono da anni un fenomeno nei paesi di lingua francese e non solo. Apparso per la prima volta nel 1983, dal 2001 le sue strisce vengono raccolte in volumi monografici di grande tiratura. L'ultimo in ordine di tempo contiene una rilettura a fumetti dell'Antico Testamento.

consulenza gratuita per autori

venerdì 13 dicembre 2013

Guida alla lettura: James Patterson – seconda parte



Seconda parte per la guida alla lettura dedicata al prolificissimo James Patterson, che nonostante sia attivo nel panorama della fiction da poco più di vent'anni ha già sfornato una quantità tale di cicli e romanzi che non bastava un solo post per elencarli.
La scorsa settimana ci siamo dedicati ai cicli più propriamente polizieschi e thriller, con i casi di Alex Cross, le indagini delle Donne del Club Omicidi e Michael Bennett. In questo secondo e ultimo appuntamento viriamo invece sulle escursioni di Patterson nel fantasy e nella narrativa per ragazzi.

Maximum Ride. Il primo ciclo fantasy-avventuroso di Patterson si compone di 8 romanzi per ragazzi pubblicati tra il 2005 e il 2012, ma l'idea nasce da un libro che Patterson pubblicò nel 1998, When the Wind Blows. I romanzi sono incentrati sulle avventure di sei mutanti, sei ragazzi sottoposti a un esperimento che li ha trasformati in "uomini-uccello". La vicenda è narrata principalmente da Maximum Ride, Max, la leader del gruppo, anche se ci sono anche diversi cambiamenti di punti di vista e voci narranti.

1) The Angel Experiment, 2005 (Maximum Ride, L'esperimento Angel. Nord 2006, Tea 2007)
2) School's Out Forever, 2006 (Maximum Ride, La scuola è finita, Nord 2007, Tea 2008)
3) Saving the World and Other Extreme Sports, 2007 (Maximum Ride, Salvare il mondo e altri sport estremi, Nord 2008, Tea 2009)
4) The Final Warning, 2008 (Maximum Ride, L'ultimo volo, Nord 2009, Tea 2010)
5) Max: A Maximum Ride Novel, 2009 (Maximum Ride, Max, Nord 2010, Tea 2011)
6) Fang: A Maximum Ride Novel, 2010 (Maximum Ride, Fang, Nord 2011, Tea 2013)
7) Angel: A Maximum Ride Novel, 2011 (Maximum Ride, Angel, Nord 2012, Tea 2013)
8) Nevermore: The Final Maximum Ride Adventure, 2012 (Maximum Ride, Nevermore, Nord 2013)


consulenza gratuita per autori

giovedì 12 dicembre 2013

Romanzi disegnati: “Unastoria” di Gipi candidato al Premio Strega



Con questo articolo inauguriamo una nuova rubrica interamente dedicata a fumetti e graphic novel. Partiamo da Unastoria, l'ultimo graphic novel di Gipi.

Lunedì 4 novembre, dopo un silenzio – almeno dal punto di vista editoriale – durato qualche anno, è uscito Unastoria, l’ultimo graphic novel di Gipi, il fumettista toscano Gianni Pacinotti. Fumettista e regista, perché dopo LMVDM. La mia vita disegnata male, uscito nel 2008, e altre raccolte, Gipi ha deciso di cimentarsi con il cinema: il suo L’ultimo terrestre, film tratto dal  graphic novel di Giacomo Monti Nessuno mi farà del male, è stato presentato a Venezia nel 2011.
Di premi, Gipi ne ha vinti tanti, in Italia e all’estero: miglior disegnatore in svariate occasioni, miglior libro al festival di Angoulême – forse il più importante in ambito fumettistico – con Appunti per una storia di guerra, perfino L’ultimo terrestre gli è valso il premio Opera prima all’Asti Film Festival. Eppure, questa volta la partita sembra giocarsi su un altro livello: Domenico Procacci ha infatti proposto la candidatura di Unastoria, pubblicato dal sodalizio Coconino-Fandango, nientemeno che al Premio Strega. 

consulenza gratuita per autori

La nuova sede del Quadrotto: corsi di formazione gratuiti e altre attività




Cari lettori, ci perdonerete se di tanto in tanto utilizziamo lo spazio di questo blog per qualche notizia direttamente dalla redazione del Quadrotto. Il motivo di oggi è che da qualche giorno il Quadrotto ha una nuova sede, e che da gennaio partiranno nuove attività che speriamo possano interessarvi. 

Innanzitutto, i contatti. Il Quadrotto è ora in via Luca Antonio Cracas 6 a Roma, non troppo distante dalla vecchia sede in zona San Giovanni. Gli indirizzi email restano invariati (info@ilquadrotto.it e autori@ilquadrotto.it), mentre per il numero di telefono vi chiediamo di pazientare ancora qualche giorno e contattarci al mobile, 3317463487.

Per tutti gli autori che nel mese di ottobre hanno aderito alla promozione per la scheda di lettura gratuita, ma anche per chi ci contatterà in futuro, la consulenza potrà avvenire direttamente in sede, previo appuntamento con uno degli editor. Sarà una bella occasione per conoscere la nostra redazione e parlare a quattr'occhi del vostro progetto letterario.
Stessa cosa dicasi per gli editori e gli enti che desiderino una consulenza sui loro progetti e in particolare sull'editoria digitale: vi aspettiamo per mostrarvi i nostri ebook e parlare dei vostri.

Infine, e questa è la grande novità, da gennaio il Quadrotto proporrà corsi di formazione gratuita in sede sul lavoro redazionale. Ciascun corso avrà un numero massimo di sei partecipanti e l'accesso avverrà previa selezione. Chiunque voglia candidarsi, trova qui il modulo on-line, indicando tra i commenti la dicitura "corso gratuito".
Infine, se qualcuno tra voi è interessato a una collaborazione lavorativa con noi, può utilizzare lo stesso form invece del consueto curriculum: sarà più semplice ricontattarvi qualora se ne presenti l'occasione.

mercoledì 11 dicembre 2013

Libri in uscita in Italia: 11-17 dicembre 2013


Max Frisch, Il silenzio. Un racconto dalla montagna
Balz Leuthold è un uomo comune, trent'anni, nessuna azione degna di nota, nessun talento particolare. Nel pieno di una crisi esistenziale, prende una decisione: la sua via per la redenzione sarà scalare una montagna, non una qualunque, ma il Nordgrat, che nessun alpinista è mai riuscito ad affrontare prima. Un'azione virile, che dovrà dare un senso alla sua esistenza.
A valle lascia Barbara, con cui è in procinto di sposarsi, per incontrare in montagna una giovane straniera, Irene, che lo guarda come nessuno lo ha mai guardato prima.
Del Vecchio, 128 pp., 13 €. In uscita l'11 dicembre


Virginia Woolf, Ultimi viaggi in Europa
Se a scrivere è un'autrice del calibro di Virginia Woolf, tutto ciò che scrive ci sembra degno di essere letto. I diari  raccolti in Ultimi viaggi in Europa coprono gli ultimi dieci anni della vita della scrittrice, e ripercorrono i viaggi intrapresi con il marito, e in un'occasione anche con Roger Fry e la sorella.
Dalla Francia alla Grecia, passando ovviamente per l'Italia (con visite a Rapallo, Pisa, Siena, Piacenza), poi l'Irlanda, l'Olanda e la Scozia.
Esplorazioni attente, trascritte su carta quasi fosse un bisogno fisico, e bruscamente interrotte dallo scoppio della seconda guerra mondiale.
Mattioli, 116 pp., 15,90 €. In uscita l'11 dicembre


consulenza gratuita per autori

martedì 10 dicembre 2013

In & Out: Storie e Backstory


I consigli di scrittura in pillole di oggi parlano della storia del personaggio, quella che viene raccontata nel libro ma anche quella che non viene raccontata. I manuali di scrittura americani insistono molto sull'importanza di avere una backstory: ogni personaggio, o almeno i protagonisti, a loro detta, dovrebbe avere un passato che lo renda interessante a 360 gradi. Ed è così che sempre più spesso in un punto più o meno avanzato del libro viene fuori un flashback, o un dialogo rivelatore, che mostrano al lettore l'evento traumatico nel passato del personaggio. 
Ma siamo sicuri che questa sia davvero la strada giusta? Che basti un momento narrativo a fare un personaggio. Noi la pensiamo diversamente, riteniamo ogni personaggio portatore di una verità, ed è quella che lo scrittore deve tirare fuori. Ecco allora i nostri In & Out di oggi.

Il trauma infantile. Out, soprattutto quando invece che dare profondità al personaggio lo appiattisce, tendendo a spiegare ogni sua caratteristica con un solo, unico evento che gli ha cambiato la vita. Anche perché, del resto, di traumi infantili ognuno ha i suoi e non è il caso di giudicare qual è il più grave.


Il prologo-backstory. In, ma con qualche riserva. Quando la backstory non è una sorpresa che spunta fuori a spiegare tutto ma il motore stesso della storia, ed è dichiarata fin dall'inizio, allora va bene. Naturalmente, il patto è che poi ci sia coerenza con l'evolversi della trama, e che il prologo non sia solo un trucco per tenere il lettore agganciato con un mistero che poi non porterà a niente.


consulenza gratuita per autori

lunedì 9 dicembre 2013

Classifiche: i libri più venduti in Inghilterra



Cominciamo, per questo mese di dicembre, un tour tra le classifiche europee dei libri più venduti su Amazon. Prima tappa, il Regno Unito.

1) Alex Ferguson, My Autobiography
Alex Ferguson è un'istituzione non solo nel calcio, ma nella cultura popolare britannica. Scozzese, classe 1941, è stato l'allenatore del Manchester United per 27 anni di fila, un record difficilmente superabile, e con i Red Devils ha vinto praticamente tutto. Ritiratosi la scorsa primavera, ora ha deciso di raccontare la sua vita. Ed evidentemente in molti non aspettavano altro, visto che il libro è da oltre tre mesi nella top 100.

2) Jeff Kinney, Diary of a Wimpy Kid: Hard Luck
Il nuovo appuntamento del "Diario di una schiappa", arrivato all'ottavo capitolo della saga, conquista immediatamente i primi posti della classifica. Greg è stato scaricato dal suo migliore amico, e ora si trova costretto a cercare nuove amicizie nella sua scuola.

3) Nelson Mandela, The Long Walk To Freedom
La morte del premio Nobel per la Pace riporta in auge la sua autobiografia uscita per la prima volta nel 1995, all'indomani della sua elezione a presidente del Sudafrica.

4) David Williams, Damon Dentist
Ancora inedito in Italia ma già un successo in Inghilterra, è un romanzo per ragazzi. I bambini mettono i denti caduti sotto il cuscino aspettando la fatina, ma la mattina dopo, al risveglio, si ritrovano alle prese con animali inquietanti. Sicuramente c'è lo zampino di qualche demone…

5) David Jason, My Life
Vanno molto bene le autobiografie nel Regno Unito. David Jason è un attore molto noto in Inghilterra per aver interpretato diverse sit-com e telefilm, e in particolare il detective Jack Frost (in onda anche in Italia). In My Life racconta le sue origini umili e le difficoltà prima di arrivare alla fama.

consulenza gratuita per autori

venerdì 6 dicembre 2013

Guida alla lettura: James Patterson - prima parte




Quando si parla di scrittori che sfornano best-seller come fossero una fabbrica, il primo nome che viene in mente è quello di James Patterson. 66 anni, scrive da quasi 40 e ha all'attivo 120 romanzi, alcuni scritti a quattro mani con altri autori. Disprezzato dalla critica e anche da molti colleghi – Stephen King lo ha definito "uno scrittore terribile", pur riconoscendone il successo – Patterson si è affermato come maestro del "page-turning", ovvero di quello stile di scrittura che ha come scopo principale far girare pagina al lettore a costo di qualsiasi trucco o artificio letterario.
Autore prevalentemente di thriller, grazie soprattutto alla serie con protagonista Alex Cross – personaggio portato sul grande schermo con le fattezze di Morgan Freeman – Patterson si è cimentato anche con il fantasy, il giallo classico e la narrativa per ragazzi.

Nonostante il suo primo romanzo sia datato 1976, e abbia vinto il prestigioso Edgar Award, il successo di pubblico ha impiegato un po' ad arrivare, tanto che fino ai primi anni '90 Patterson ha lavorato per l'agenzia pubblicitaria JWT. Poi, dopo il successo di Along Came a Spider nel 1993, si ritira per fare lo scrittore a tempo pieno, con una prolificità quasi senza pari, riuscendo a vendere qualcosa come 260 milioni di copie in tutto il mondo. È stato calcolato che, negli ultimi dieci anni, i suoi romanzi abbiano venduto più di quelli di Stephen King, John Grisham e Dan Brown messi assieme.
consulenza gratuita per autori


giovedì 5 dicembre 2013

Consigli di… scrittori: Ray Bradbury



Continuiamo la rassegna dei "consigli d'autore" con un pezzo da 90 della letteratura mondiale, Ray Bradbury. L'autore di Fahrenheit 451 e Cronache marziane, scomparso lo scorso anno, diede dodici consigli agli aspiranti scrittori nel "keynote speech" al Point Loma Nazarene University’s Writer’s Symposium By the Sea nel 2001 (qui il video).

1. Don't start out writing novels. Ci vuole troppo tempo. Bradbury consiglia di cominciare scrivendo "un casino di racconti", almeno uno a settimana per un anno, perché è praticamente impossibile scrivere 52 brutti racconti di fila. Bradbury ha fatto così, scrivendo il suo primo romanzo a 30 anni: era Fahrenheit 451.

2. You may love them, but you can't be them. Va bene avere dei punti di riferimento letterari, purché quando si comincia a scrivere non si pensi di poterli imitare o eguagliare.

3. Examine "quality" short stories. Oltre ai consigli di scrittura, Bradbury dà anche dei consigli di lettura, quantomeno in materia di racconti. Roald Dahl e Guy de Maupassant tra i classici, Nigel Kneale e John Collier tra i contemporanei.

4. Stuff your head. Riempitevi la testa di letture. Bradbury consiglia una sorta di corso di lettura da fare di sera prima di andare a letto: un racconto, una poesia (ma i classici come Shakespeare e Pope, non "la robaccia moderna"). E poi un saggio sui campi più disparati: antropologia, zoologia, filosofia e, ovviamente, letteratura.

5. Get rid of friends who don't believe in you. Se qualcuno si prende gioco delle vostre ambizioni letterarie, Bradbury consiglia di chiamarli e "licenziarli" immediatamente.

6. Live in the library. Ormai è abbastanza chiaro quanta importanza desse Bradbury alla lettura. Lui stesso, pur non essendo mai andato al college, ma si è "laureato in biblioteca" a 28 anni.

consulenza gratuita per autori

mercoledì 4 dicembre 2013

I libri in uscita in Italia: 3-10 dicembre 2013




Valerio Evangelisti, Il sole dell'avvenire (vol. 1)
Lasciato da parte il ciclo di Eymerich e gli ultimi romanzi dal taglio storico dedicati all'America, Valerio Evangelisti inaugura un nuovo ciclo narrativo tutto italiano. "Vivere lavorando o morire combattendo", questo il titolo del primo libro della serie, racconta le vite dei braccianti e dei contadini romagnoli all'indomani del Risorgimento e fino alle soglie del '900.
Attraverso storie come tante, Evangelisti traccia un quadro della storia italiana alla nascita del movimento socialista.
Mondadori, 530 pp., 17,50 €. In uscita il 3 dicembre


John Grisham, L'ombra del sicomoro
Proprio mentre è ancora in testa alle classifiche statunitensi, arriva anche da noi l'atteso nuovo legal thriller di John Grisham.
L'autore statunitense torna alle origini, dando un seguito a Il momento di uccidere, il suo romanzo di esordio pubblicato più di vent'anni fa. Si torna quindi a Ford County, nel profondo Sud degli Stati Uniti, con tutte le contraddizioni di una terra ancora segnata dalle divisioni razziali, e torna in azione Jack Brigance, il primo avvocato-detective creato da Grisham.
Mondadori, 535 pp., 20 €. In uscita il 3 dicembre

consulenza gratuita per autori

martedì 3 dicembre 2013

Five tips: scrivere in prima persona



Primo consiglio di scrittura del mese di dicembre, si riparte dai five tips, che finora sembrano essere la nostra rubrica più gradita. Oggi parliamo di uno stile di scrittura sempre in voga e sempre ad alto rischio di errore, la narrazione in prima persona. Può sembrare più semplice e immediata, perché parla direttamente a chi legge, senza l'intromissione di un narratore, ma sa essere insidiosa, egocentrica e soprattutto sconvolgere lo schema dei punti di vista. Ecco allora i nostri consigli di oggi.

Find your voice
Se a un narratore in terza persona è concessa una voce neutrale e poco coinvolta, a uno in prima no. Perciò  la prima cosa da fare è conoscere a fondo il personaggio e scrivere come parlerebbe lui, come fosse tutto un lunghissimo dialogo. Il che non vuol dire necessariamente inserire espressioni dialettali o sgrammaticate o gergali a seconda dell'estrazione sociale del personaggio, ma andare più a fondo per creare uno stile che gli calzi a pennello.

Choose your time
Non è un caso se, quando leggete un romanzo in prima persona, vi capita di trovare errori di sintassi, soprattutto nella consecutio temporum. Perché se non è ben chiaro il rapporto tra il tempo della storia e il tempo della narrazione, si rischia spesso di fare confusione. E allora chiaritevi una volta per tutte se la voce narrante parla del proprio passato o del proprio presente, e non dimenticate mai questo dettaglio, perché cambierà anche il punto di vista sugli eventi.

consulenza gratuita per autori

lunedì 2 dicembre 2013

La classifica dei libri più venduti in Italia



Torniamo a occuparci di classifiche italiane con il ranking di Libreria Universitaria

1) Michele Serra, Gli sdraiati, Feltrinelli
Editorialista per Repubblica, autore di Che tempo che fa, Michele Serra tra un'amaca e l'altra ha trovato il tempo di scrivere questo "Gli sdraiati", a metà tra saggio e romanzo, in cui si parla di adolescenti visti con gli occhi degli adulti.

2) Luis Sepulveda, Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza, Guanda
Ormai i romanzi per bambini di Sepulveda con animali dalle caratteristiche umane stanno diventando una tradizione del periodo natalizio, e quest'anno la lumaca debutta con ottime possibilità di bissare il successo della gabbianella e del gatto.

3) Fabio Volo, La strada verso casa, Mondadori

4) Chiara Gamberale, Per dieci minuti, Feltrinelli
Nuovo romanzo di Chiara Gamberale e primo per i tipi di Feltrinelli, dopo gli anni passati nella scuderia Mondadori. I dieci minuti del titolo sono quelli che servono alla protagonista per superare un dolore: dieci minuti moltiplicati per ogni giorno, tutti i giorni, per un mese, da dedicare a se stessi.

5) AA. VV., Regalo di Natale, Sellerio
consulenza gratuita per autori


giovedì 28 novembre 2013

Consigli di… scrittori: le 5 regole di Robert A. Heinlein




Riprendiamo i consigli d'autore con un appuntamento dedicato espressamente alla sci-fi, con i cinque consigli di Robert Heinlein, maestro della fantascienza e autore di Straniero in terra straniera e Starship Troopers. Heinlein non ha mai avuto problemi a divulgare questi consigli, nonostante di fatto servissero a formare i suoi diretti concorrenti, perché era consapevole che ben pochi li avrebbero seguiti tutti. I cinque consigli in questa formulazione sono stati raccolti da Robert J. Sawyer, l'autore di Flash forward, che ne ha aggiunto un sesto di sua ideazione.

1) You must write
Sembra fin troppo ovvio, ma la prima cosa da fare per diventare uno scrittore è scrivere. Non basta sognare di diventare un giorno un autore di best-seller, e neanche frequentare corsi e leggere manuali. Bisogna scrivere. Non avete tempo? Non è una scusa, se scrivere è la vostra vocazione, il tempo si trova a costo di sacrifici.

2) Finish what you start
Quanti romanzi incompleti avete nel cassetto? Mollare dopo poche (o molte) pagine, è un errore perché non vi farà imparare niente. Solo quando avrete davanti una storia con un inizio, uno svolgimento e una fine potrete vedere facilmente cosa funziona e cosa no. L'inizio sembra insignificante? Magari cento pagine più avanti assumerà un altro senso. E solo completando l'opera potrete esercitarvi su cose tipo la trama, la suspense, o l'arco di trasformazione del personaggio.

3) You Must Refrain from Rewriting (Except for Editorial Order)
Evitate di riscrivere di continuo il vostro romanzo. A costo di litigare con gli insegnanti di scrittura creativa, che dicono di riscrivere sempre, è meglio invece darsi un limite. Certo, non bisogna fermarsi a una prima stesura grezza, piena di refusi e di incongruenze. Ma dopo aver sistemato queste cose, basta così, anche perché quasi mai l'autore è obiettivo su ciò che va cambiato nella sua opera, quindi meglio darla in lettura a un'altra persona. Inoltre, se il vostro romanzo è vagamente pubblicabile, sarà l'editore a decidere di farlo sottoporre a un editing.
consulenza gratuita per autori

mercoledì 27 novembre 2013

I libri in uscita negli Usa a dicembre 2013



In attesa che anche da noi arrivi il periodo delle strenne (bisognerà aspettare ancora qualche giorno), facciamo un salto negli Stati Uniti per vedere cosa è in uscita nella prima metà di dicembre.

Tom Clancy, Command Authority
È in uscita il libro postumo di Tom Clancy, il maestro della spy story morto il mese scorso. A due mesi esatti dalla scomparsa, esce il nuovo romanzo scritto con Mark Greaney, nuova puntata del ciclo di avventure di Jack Ryan, l'ex agente CIA diventato presidente degli Stati Uniti, e di suo figlio Jack jr.
Ora i due Ryan devono affrontare una nuova minaccia proveniente dalla Russia, che ora è in mano a un nuovo presidente che intende attaccare l'America.
Padre e figlio, ognuno nel proprio ruolo, dovranno sventare la minaccia, in una storia che affonda le radici negli anni in cui Jack sr. era ancora un giovane agente.

Michael Connelly, The Gods of Guilt
Quinto appuntamento con il ciclo di romanzi che hanno per protagonista l'avvocato Mickey Haller (in Italia sono stati pubblicati solo i primi tre), il nuovo personaggio creato da Connelly e che ha esordito in The Lincoln Lawyer (Avvocato di difesa).
Haller, che è il fratellastro di Harry Bosch, il personaggio più famoso creato da Connelly, in questo nuovo legal thriller, indaga sull'omicidio di una prostituta che lui stesso aveva provato a portare sulla retta via ma di cui, inconsapevolmente, forse ha causato la morte.

consulenza gratuita per autori

martedì 26 novembre 2013

In & Out: la scrittura per ragazzi


Bentornati alla rubrica In & Out, con qualche dritta per orientarsi tra mode e topoi della scrittura. Oggi parliamo di un genere particolare quanto in voga, quello dei romanzi per teenager. Si tratta di una fascia di pubblico molto delicata, perché è in quel momento che si conquista o si perde per sempre il giovane lettore. Soprattutto, non è una scrittura da prendere sottogamba, anzi!







Un mondo su misura. Assolutamente In. Dire che i protagonisti devono essere i teenager sembra scontato, ma non lo è, perché non basta narrare quel che normalmente tormenta un adolescente per fare un buon romanzo. Il segreto sta invece nel fare dei ragazzi il centro del mondo narrativo, ponendoli di fronte a sfide e situazioni che nel mondo reale spettano normalmente agli adulti. Un po' come Harry Potter che a soli 11 anni deve salvare tutto il mondo dei maghi.

Il romanzo di formazione. Con il dovuto rispetto per opere che hanno fatto la storia, è Out, perché va bene se è il libro Cuore o Piccole Donne, ma riscriverlo è un'altra cosa. Come per tutti i romanzi, mai dare l'impressione che si stia insegnando qualcosa, sarebbe solo controproducente.

consulenza gratuita per autori


venerdì 22 novembre 2013

Alla scoperta di… i libri sull'omicidio Kennedy



Era il 22 novembre 1963 quando il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy veniva colpito a morte a Dallas. Un evento che ha segnato la storia recente dell'America e che ha trasformato in mito un uomo che, nei suoi tre anni scarsi di presidenza, aveva saputo farsi molti nemici. Oggi, a 50 anni da quell'avvenimento, ci sembra giusto dare qualche consiglio di lettura al riguardo. Lasciando da parte la saggistica, che è quantomai varia sull'argomento, preferiamo concentrarci sulla narrativa, con quattro romanzi diversissimi tra loro.

Don DeLillo, Libra
Il primo a cimentarsi con una versione fittizia dell'omicidio Kennedy è stato Don DeLillo, che nel 1988 – 25 anni fa, e 25 anni dopo il delitto – pubblicò Libra, in cui fornisce un resoconto inventato ma non per questo meno verosimile degli avvenimenti che hanno portato alla morte di JFK.
DeLillo alterna sapientemente i fatti reali, come i risultati della Commissione Warren, ma soprattutto la vita di Lee Harvey Oswald, il presunto colpevole (su cui l'autore ha fatto ampie ricerche), con le vicende di pura finzione, che riguardano l'organizzazione del complotto contro Kennedy. Un complotto organizzato dalla Cia e dagli esuli cubani anti-castristi per togliere di mezzo il presidente nella convinzione che così facendo gli Usa avrebbero dichiarato guerra a Cuba. Le due linee si incontrano quando Oswald diventa l'inconsapevole burattino della macchinazione.
Al termine del libro, DeLillo specifica di "non aver fatto alcun tentativo di fornire risposte concrete alle domande poste dall'assassinio". Ma non per questo la sua teoria deve essere considerata solo fiction.

James Ellroy, American Tabloid
Prima puntata della trilogia "Underworld USA", e uscito nel 1995, American Tabloid spinge sul versante complottistico quanto fatto sette anni prima da DeLillo, con l'obiettivo di sconvolgere il lettore ma anche di fornire un quadro storico molto preciso dell'America di inizio anni '60.
I protagonisti sono due agenti dell'FBI e un ex poliziotto e il romanzo copre i cinque anni dai prodromi della rivoluzione cubana fino alla morte di Kennedy (nel successivo romanzo della trilogia, Sei pezzi da mille, Ellroy racconterà le conseguenze del delitto).
Nel corso dei cinque anni, i protagonisti per motivi diversi cercano di incastrare JFK, prima per impedirgli di diventare presidente, poi per fermarlo. I tre organizzano un attentato a Dallas, intenzionati a dare la colpa ai comunisti, per poi scoprire che c'è un altro complotto in atto, orchestrato dal potente capo dell'FBI J. Edgar Hoover.


consulenza gratuita per autori

giovedì 21 novembre 2013

Consigli di… scrittori: Roddy Doyle


Nuovo appuntamento con la rubrica che dà voce ai grandi scrittori contemporanei e non solo, e ai loro consigli di scrittura. Oggi tocca a Roddy Doyle, autore irlandese pubblicato in Italia da Guanda e noto per i suoi romanzi e racconti dedicati alla terra d'origine, tra cui Due sulla strada e Paddy Clarke ah ah ah! Qualche tempo fa, ha spiegato al Guardian quali sono le sue dieci regole di scrittura: eccole.

1) Do not place a photograph of your ­favourite author on your desk. Niente foto-santino del vostro autore preferito sulla scrivania. Soprattutto, aggiunge Doyle, se è uno di quelli famosi che poi si sono suicidati…

2) Do be kind to yourself. Questo è uno dei punti più dibattuti nei consigli di scrittura: meglio sforzarsi di scrivere una prima stesura il più possibile perfetta o tirare via? Finora prevale la seconda: Doyle consiglia di riempire più pagine possibili, anche con doppie spaziature, e di guardare a ogni pagina finita come a un piccolo trionfo.

3) Until you get to Page 50. Corollario alla precedente: una volta arrivati a pagina 50, bisogna smettere di andare avanti come un treno e fermarsi, per cominciare a preoccuparsi della qualità. Bisogna sentire l'ansia, dice Doyle.

4) Do give the work a name as quickly as possible. Own it, and see it. Il titolo è importante, perché da lì possono partire idee e sviluppi che ci aiuteranno a portare avanti l'opera. Doyle ricorda che Dickens sapeva che Casa desolata si sarebbe chiamato così da prima di cominciare a scriverlo. Il resto deve essere stato facile.

5) Do restrict your browsing to a few websites a day. Su questo gli scrittori sono tutti d'accordo, niente (o quasi) internet quando si scrive. Doyle consente qualche eccezione per fare ricerche, ma niente siti di scommesse!


consulenza gratuita per autori

martedì 19 novembre 2013

Le copertine più belle alla Fiera del libro di Francoforte



Torna il nostro appuntamento aperiodico con le copertine più belle. E ci fa sempre piacere vedere come non siamo gli unici che pensano che un bel libro si veda anche dalla copertina. Ormai sempre più spesso i grandi appuntamenti editoriali ospitano premi più o meno ufficiali dedicati ai lavori grafici migliori: ne abbiano parlato qualche mese fa per la mostra a Bologna, torniamo a parlarne ora perché, alla Fiera del Libro di Francoforte dello scorso ottobre, la versione tedesca del Wall Street Journal ha stilato una classifica delle dodici copertine più belle di quest'anno. Le trovate qui sotto. La nostra preferita? Quella che vedete qui al centro.

Per una volta non scegliamo una copertina di sola grafica. La cover dell'edizione in lingua inglese di Little Grey Lies, del francese Hédi Kaddour, dimostra che anche usando le immagini si può ottenere un effetto originale, soprattutto sovrapponendone due creando un effetto di eleganza e mistero al tempo stesso.



lunedì 18 novembre 2013

USA: Le classifiche dei libri più venduti



La classifica dei best-seller del New York Times
Print and e-book Fiction


1) John Grisham, Sycamore Row
Il maestro del legal thriller torna alle origini, dando un seguito al suo primo romanzo, A Time to Kill, e ritrovando a più di vent'anni di distanza il suo primo avvocato-detective, Jake Brigance.

2) Clive Cussler, Mirage
Scritto con la collaborazione di Jack Du Brul, Mirage è il nono volume della serie degli Oregon Files. La grande avventura navale si mescola qui con la storia, e con il coinvolgimento del grande scienziato Nikola Tesla nella costruzione di una nuova arma per gli Stati Uniti.

3) Orson Scott Card, Ender's Game
Pubblicato originariamente nel 1985 come primo capitolo di una pentalogia, oggi Ender's Game riconquista le classifiche in vista dell'uscita del film che ne è stato tratto. La Terra è sotto attacco da parte di una specie aliena, e solo uno scienziato può sconfiggere gli invasori.

4) Nora Roberts, Dark Witch
Maestra dei best-seller rosa-giallo-neri, Nora Roberts inaugura con Dark Witch una nuova serie. La giovane Iona decide di trasferirsi in Irlanda per cercare le proprie origini: qui troverà la famiglia, l'amore, ma anche la magia e un'antica maledizione.

5) J. A Redmerski, The Edge of Always
Seguito del best-seller The Edge of Never. Camryn e Andrew sono felici da cinque mesi e stanno programmando il loro matrimonio, quando nelle loro vite irrompe una tragedia che li separa.


consulenza gratuita per autori


giovedì 14 novembre 2013

Libri per bambini e per ragazzi: le uscite di novembre 2013



Torna il nostro appuntamento dedicato ai più piccoli (e ai genitori che non vogliono lasciare i figli senza qualcosa di nuovo e di buono da leggere), con le uscite in libreria di novembre. Ce n'è per tutti i gusti, dalle fiabe in cucina al nuovo romanzo di Sepulveda.

Lorna Honeywell, I Dolcetti dei Desideri (6 voll.)
La nuova collana Newton Compton Kids, dopo la serie dei Cuccioli magici, propone 6 volumetti di 96 pagine (anche in versione ebook) con protagonista la piccola Lily, il fratellino Archie, e la loro nonna, che fa magie in cucina… letteralmente. Se Archie è arrabbiato, o Lily ha paura della recita scolastica, basterà cucinare la ricetta data loro dal barattolo magico e tutto andrà a posto. Ricetta che poi si può conservare, e ovviamente provare!
Sono 6 i volumi, tutti al prezzo di 4,90 € l'uno. I titoli: I cupcake del buonumore, I croccanti dei superpoteriIl budino passa-tutto, I biscottini del coraggio, I muffin aggiusta-tutto, Le caramelle dell'amicizia
Età di lettura: 6-10 anni

David Calì, Benjamin Chaud, Non ho fatto i compiti perché…
David Calì, una delle nuove leve del fumetto e della letteratura per ragazzi italiana, ci guida in un mondo che tutti noi abbiamo conosciuto, presto o tardi: quello delle scuse per non aver fatto i compiti.
Ma scordatevi le scuse artigianali o anche solo credibili: se si dice una bugia, meglio spararla grossa. E allora ecco le lucertole giganti che invadono il giardino, o le matite usate per accendere il fuoco.
Il tutto accompagnato dai divertenti disegni di Benjamin Chaud.
Rizzoli, 40 pp., 13 €. Età di lettura: 6-13 anni.

consulenza gratuita per autori