giovedì 31 gennaio 2013

I libri per bambini in uscita in Italia



Inauguriamo uno speciale (uno spin-off, potremmo chiamarlo) sulle uscite librarie, focalizzandoci sulla letteratura per l'infanzia, un mercato molto vivo in Italia e sempre ricco di novità.

Dino Ticli, "La macchina del tuono"
Nuova uscita del Battello a Vapore per la Serie Arancio (quella rivolta ai bambini dai 9 anni in su). Ambientato nell'antica Grecia, è la storia della piccola Kalliopi, che ha imparato presto a leggere e a scrivere e, poiché adora il teatro, vorrebbe diventare attrice, anche se i pregiudizi e le regole dell'epoca vietano alle donne di esibirsi in pubblico. Arrivata a Siracusa, riuscirà però a realizzare il proprio sogno grazie al tiranno Gerone.
Piemme Battello a Vapore, età di lettura: dai 9 anni. 208 pp., 8 €

David Foenkinos, Soledad Bravi, "Il salice piangente che sorrideva"
Titolo quantomai poetico per una storia dedicata ai bambini dai 6 anni in poi. Shai Lin, 8 anni, ama gli alberi e in particolare i salici, e quando è costretta a trasferirsi per problemi di lavoro del padre chiede come condizione che nella nuova casa ci sia un salice.
Ma il salice che trova non è piangente come vorrebbe il nome, anzi…
Rizzoli, età di lettura: dai 6 anni. 32 pp., 13 €.


Fatima Sharafeddine, Intilaq Mohammed Ali, "Il favoloso viaggio di Ibn Battuta"
Ibn Battuta è un personaggio realmente esistito, nel XIV secolo, noto per i suoi viaggi tra l'Africa e la Cina e considerato il Marco Polo arabo.
Questa fiaba ripercorre i lunghi viaggi dell'esploratore partito da Tangeri, in Marocco, nel 1304, fino a raggiungere l'India, il sud-est asiatico e la Cina; il tutto impreziosito dai disegni dell'illustratore Intilaq Mohammed Ali, per una originale incursione nella cultura araba.
Rizzoli, età di lettura: dai 6 anni. 32 pp., 13 €.


consulenza gratuita per autori

mercoledì 30 gennaio 2013

In redazione: il ruolo delle agenzie letterarie


Abbiamo dedicato tre post alla selezione editoriale, ora però vogliamo fare un passo indietro e parlare di come il manoscritto arriva in casa editrice. Escludendo l'invio "random" del testo a chiunque possa essere interessato, la strada più nota è quella dell'agenzia letteraria. Ma di che stiamo parlando? E soprattutto, funziona?

Per capirlo, cominciamo col dare uno sguardo al nostro mercato editoriale. La figura dell'agente letterario in Italia è molto meno affermata che all'estero, soprattutto per quanto riguarda la rappresentanza di autori esordienti. Nel mondo anglosassone, senza un agente non vai da nessuna parte. Qui potrebbe diventare difficile trovare un libro pubblicato grazie a un agente. Certo le cose stanno cambiando, ma lentamente.
Come al solito da queste parti, quello che manca è la concorrenza. Così, capita spesso di trovare agenzie piccole e grandi che chiedono un ingente contributo per la semplice lettura del testo, mentre invece dovrebbe essere nel loro interesse rintracciare più autori possibile.

consulenza gratuita per autori

martedì 29 gennaio 2013

5 tips: il fantasy


L'appuntamento con la rassegna di consigli anglofili sta per concludersi, ma un incontro sul fantasy proprio non poteva mancare.

Come e forse più degli altri generi il fantasy è ormai una scrittura codificata: c'è un eroe che però è convinto di essere una persona normale, se non addirittura sfortunata, ma arriverà un mentore a mostrargli la sua vera natura; a questo punto l'eroe scoprirà di avere una grande missione e un grande nemico da sconfiggere, ma dovrà farlo da solo, mettendo in secondo piano anche il suo grande amore; solo dopo numerose battaglie in cui rischierà di morire potrà finalmente fronteggiare il cattivo e ucciderlo; dopodiché andrà a godersi il lieto fine con la donna della sua vita.

Lo schema è questo, fin troppo noto. Ma ciò non vuol dire che non lo si possa reinventare, non a caso il fantasy continua a spopolare, e non solo con i vampiri. Ecco allora la nostra selezione di consigli d'oltreoceano:

1. Be nerd
Meglio fanatici che snob. Il fantasy è un genere letterario ben codificato, perciò non mettetevi in testa di rinnovarlo senza nemmeno averlo letto. Spulciate tutti i maestri del settore, poi se possibile anche i libri meno famosi, quelli "così e così". Non disprezzate l'ultimo best-seller, anzi leggetelo con intelligenza. Non si può scrivere un romanzo senza conoscere i suoi predecessori, che vi piaccia o no… e non venite a dire che avete travalicato i confini del genere, perché sarebbe troppo semplice.

2. Build your hero
Un buon personaggio offre sempre nuova linfa a ogni storia (accade anche in Harry Potter), ma soprattutto la arricchisce di interiorità: una trama da sola non è niente, mentre un protagonista che porti alla luce i nostri conflitti più nascosti è in grado di reggere un'intera saga. Quindi che ne venga fuori un volumetto uguale a tanti altri o un capolavoro destinato a segnare la storia della letteratura… l'eroe sarà ricordato più dell'autore.


consulenza gratuita per autori

lunedì 28 gennaio 2013

I libri in uscita in Italia: 1-7 febbraio



Quattro inediti (tra cui un saggio e mezzo) e una ristampa tra le uscite della prima settimana di febbraio.

Lucy Clarke, "Le sorelle dell'oceano"
Al suo primo romanzo, la giovane insegnante di scrittura creativa Lucy Clarke ha subito ottenuto un successo internazionale con "The Sea Sisters", che ora arriva anche in Italia.
Il mondo di Katie è sconvolto dalla notizia che la sua sorella minore Mia si è suicidata gettandosi nell'oceano. Katie non accetta questa ricostruzione e, portando con sè il diario della sorella, ne ripercorre gli ultimi mesi fino a scoprire il mistero di quella morte.
Neri Pozza, 352 pp., 17 €. In uscita il 1 febbraio

Douglas Preston e Lincoln Child, "Due tombe"
Ne avevamo parlato a dicembre quando "Two Graves" era uscito negli USA, ora a tempo di record arriva anche da noi per i fan dell'agente Pendergast, ansiosi di leggere l'ultimo capitolo della "trilogia di Helen".
Pendergast ha scoperto che la moglie Helen, creduta morta da anni, in realtà è ancora viva. Ma il ricongiungimento è destinato a durare poco, perché Helen viene rapita e Pendergast si rende conto che dietro quel rapimento c'è un oscuro disegno che coinvolge anche un serial killer di Manhattan.
Rizzoli, 600 pp., 18 €. In uscita il 6 febbraio

Marcello Sorgi, "Le sconfitte non contano"
Sorgi, editorialista de "La Stampa" apprezzato anche per le sue partecipazioni ai talk show politici, racconta sotto forma di saggio romanzato la storia di suo padre Nino. Soldato siciliano, l'armistizio dell'8 settembre torna a casa a piedi dalla Toscana e, in una Palermo euforica per l'occupazione americana, inizia la sua nuova vita di avvocato che, tra incontri con personaggi famosi e avvenimenti memorabili, attraverserà buona parte della storia dell'Italia repubblicana.
Rizzoli, 200 pp., 18 €. In uscita il 6 febbraio

scrivilo per noi

venerdì 25 gennaio 2013

Alla scoperta di… Irène Némirovsky


Nella settimana che si conclude con il Giorno della Memoria, il 27 gennaio, dedichiamo lo spazio del venerdì a un'autrice morta ad Auschwitz, e che è stata riscoperta solo negli ultimissimi anni fino a diventare un cult: Irène Némirovsky.

Nata a Kiev nel 1903 da una ricca famiglia di banchieri ebrei, la Némirovsky impara dalla governante il francese che diventa da subito quasi la sua prima lingua. All'indomani della rivoluzione russa, la famiglia di Irène lascia Pietroburgo, dove si era trasferita, e fugge in Finlandia, a Stoccolma e infine a Parigi. Qui, avendo mantenute pressoché intatte le proprie ricchezze, la famiglia può permettersi un appartamento in uno dei quartieri più eleganti della capitale francese ed entra in contatto con l'aristocrazia parigina. I Némirovsky sono piuttosto lontani dagli ebrei tradizionalisti, e perseguono piuttosto l'idea di essere assimilati all'alta borghesia del tempo: questo influenzerà molto il modo in cui Irène tratterà la figura degli ebrei nei suoi romanzi, e le costerà continue accuse di antisemitismo.

Irène studia lettere alla Sorbona e si laurea con menzione d'onore. Nel 1925 pubblica il suo primo racconto, "Enfant genial", e sposa l'ebreo russo naturalizzato francese Michel Epstein. Nel frattempo inizia la stesura del suo primo romanzo, "David Golder", incentrato sulla figura eponima di un ricco uomo d'affari ebreo. Il protagonista dopo aver mandato in rovina e spinto al suicidio il socio in affari, ha un attacco di cuore e si rende conto di essere stato sempre detestato e ingannato dalla sua stessa famiglia. Pubblicato nel 1929, "David Golder" è accolto da un tale successo che in molti dubitano che l'abbia scritto una giovane esordiente, e sospettano che dietro di lei si nasconda uno scrittore famoso.

scrivilo per noi

giovedì 24 gennaio 2013

In redazione: scegliere un libro (III)


Avete ragione, avevamo detto di averla finita lì con i post sulla selezione editoriale. Ma vuoi il vostro apprezzamento, vuoi la nostra eterna pignoleria, ci siamo accorti che mancava qualcosa, e allora eccoci di nuovo qui, per capire: perché tutto questo? Che senso ha la selezione editoriale e perché mai qualcuno dovrebbe aspirare a fare il lettore di manoscritti?

Certo, direte voi, la selezione editoriale serve a scegliere i libri da pubblicare, non possono mica stampare ogni cosa che arriva. Questo è vero, e purtroppo piaccia o no il budget e il tempo a disposizione sono criteri piuttosto importanti quando si programmano i libri in uscita. Ma a noi piace credere che non siano gli unici.

A noi piace credere che quello del lettore di manoscritti sia un lavoro affascinante, indipendentemente da cosa ci capiti sottomano (del resto, non avremmo lanciato la promozione natalizia se questo lavoro non fosse stato di nostro gradimento).
Perché? Perché nel migliore dei mondi possibili scegliere cosa pubblicare vuol dire sperare di avere voce in capitolo nella definizione di un canone letterario. Vuol dire provare a capire cosa merita davvero la pena di passare alla storia, ma prima ancora tra le mani dei lettori. È una responsabilità enorme, che viene ripagata con la fiducia del lettore.
consulenza gratuita per autori

mercoledì 23 gennaio 2013

I libri in uscita negli USA e le classifiche



È tempo di volare negli Stati Uniti e scoprire quali sono i libri più importanti tra quelli appena usciti o programmati per questa settimana, e come è cambiata la classifica dei best seller.

Robert Crais, "Suspect"
Apprezzato e prolifico autore di thriller – d'altronde è difficile trovare negli USA un autore di thriller che non sia anche prolifico – spesso prestato al cinema, lascia in disparte per una volta i suoi personaggi più famosi, Joe Pike ed Elvis Cole, per un nuovo protagonista. Si tratta di Scott James, detective della polizia di Los Angeles che è stato da poco vittima di una brutale aggressione in cui ha perso la vita la moglie. Dopo otto mesi di lutto, James ritorna in campo per scoprire gli assassini, con l'aiuto di un cane, un pastore tedesco addestrato a fiutare gli esplosivi in Iraq e Afghanistan.

George Saunders, "Tenth of December"
Saunders è un autore di racconti di successo, ma in Italia è pressoché sconosciuto come quasi tutti i colleghi specializzati in "short stories" (ma se volete recuperare qualcosa, nel catalogo Minimum Fax troverete alcuni titoli che vi consigliamo). "Tenth of December" è una raccolta delle sue migliori storie brevi pubblicate sulle riviste New Yorker e Harper's.
La raccolta si apre con "Victory Lap", in cui un ragazzo assiste al rapimento della vicina di casa e si interroga se sia meglio fare finta di niente o agire. Il racconto che dà il titolo al libro parla invece di un uomo di mezza età, malato di cancro, che si avventura in un bosco deciso a suicidarsi ma incontra un giovane problematico che gli ricorda chi è veramente.

George R.R. Martin, "Tuf Voyaging"
Non si tratta di un inedito bensì di un'opera giovanile di Martin, molti anni prima che "Le cronache del ghiaccio e del fuoco" lo rendessero celebre in tutto il mondo.
Pubblicato nel 1986, "Tuf Voyaging" è un romanzo di fantascienza che raccoglie alcune storie brevi con protagonista l'improbabile eroe Haviland Tuf. Altissimo, pallido, calvo, sovrappeso, vegetariano e solitario, Tuf diventa inavvertitamente il padrone di una astronave da guerra con cui viaggia attraverso una galassia tormentata da problemi ambientali.

scrivilo per noi

martedì 22 gennaio 2013

5 tips: scrittura narrativa e descrizioni


Oggi la nostra rassegna di consigli anglosassoni si sofferma sulle descrizioni, passaggio obbligato per chiunque si cimenti nella scrittura narrativa.

C'è chi le ama e chi invece ne farebbe volentieri a meno, la verità è che le descrizioni sono talmente difficili da scrivere che spesso o sono perfette o niente. Noi personalmente amiamo quelle ricche di pathos del Grande Gatsby ma anche quelle intriganti e dettagliate dei Maigret, eppure non restiamo indifferenti alla minuzia di J. K. Rowling o alle sintesi perfette del minimalismo.

1. Slow it down
Se finora vi siete fatti prendere dalla foga della storia, è il momento di fermarvi un attimo. Chiudete gli occhi e immaginate la scena, cercate di averla ben chiara nella vostra mente. Visualizzate. Le descrizioni hanno bisogno del loro tempo per venire a galla, perché bisogna guardare il paesaggio, riempirlo di dettagli, decidere quali toni avrà, cosa vi serve e cosa no.

2. Give your readers the full experience
Ricordatevi che l'uomo ha 5 sensi, perciò se utilizzate solo la vista la vostra descrizione sarà quanto meno riduttiva. Pensate agli odori, ai suoni, al tatto e perché no anche ai sapori, se può tornarvi utile. Questo non significa certo che dovete dire tutto, neanche foste Huysmans o Zola. Si tratta invece di dare al lettore la sensazione di un'esperienza – scusate la banalità ma è così – a 360°, mentre in realtà lo state indirizzando esattamente verso le vostre conclusioni e il vostro punto di vista.
scrivilo per noi


lunedì 21 gennaio 2013

I libri in uscita in Italia 15-31 gennaio



Passiamo in rassegna le principali uscite librarie italiane, accorpando quelle, non numerosissime, della seconda metà di gennaio.


Tracy Chevalier, "L'ultima fuggitiva"
Tracy Chevalier, l'autrice de "La ragazza con l'orecchino di perla", continua a cimentarsi con il romanzo storico. Stavolta, l'ambientazione è quella dell'America schiavista del 1850, paese in cui approdano dall'Inghilterra le due sorelle Bright, Honor e Grace. Quest'ultima ha lasciato tutto per sposare un uomo più anziano che non ha mai incontrato, e Honor la accompagna. Ma quando Grace muore di febbre gialla, Honor si trova da sola in una terra straniera.
Neri Pozza, 313 pp., 18 €.

Clara Sanchez, "Entra nella mia vita"
Proprio come il precedente (e best-seller) "Il profumo delle foglie di limone", anche il nuovo romanzo della spagnola Clara Sanchez mescola mystery e sentimento. Da piccola, Veronica trova tra le cose dei genitori la foto di una bambina poco più grande di lei; crescendo si convince che quella bambina ha a che fare con il conflitto tra i suoi genitori e infine riesce a trovarla, ma ora che sono entrambe adulte il mistero è solo all'inizio.
Garzanti, 480 pp., 18,60 €.

Andrea Canobbio, "Tre anni luce"
Andrea Canobbio è un traduttore ed editor (ha lavorato per Bompiani ed Einaudi) ma dal 1989 è anche apprezzato romanziere. Non certo prolifico (8 romanzi in 25 anni) torna alla narrativa per i tipi di Feltrinelli con un protagonista che ricorda Zeno Cosini: inetto come lui, come lui intraprende una relazione "semplice" con la sorella della donna da cui è realmente attratto. Ma, al contrario di Zeno, la sua vita non scorrerà sempre in balia degli eventi.
Feltrinelli, 352 pp., 18 €. In uscita il 23 gennaio.

scrivilo per noi

venerdì 18 gennaio 2013

Alla scoperta di… Shusaku Endo


Dopo lo "Scrivilo per noi" della scorsa settimana, dedicato alla scoperta di un nostro lettore, quest'oggi scopriamo un autore tra i più importanti della letteratura asiatica, il cui romanzo più famoso è da poco stato ristampato.

Shusaku Endo nacque a Tokyo nel 1923, ma crebbe nella Manciuria occupata fino a quando i genitori non si separarono. Il divorzio portò la madre di Endo a una crisi mistica e alla successiva conversione al cattolicesimo, religione praticata in Giappone da una minoranza di persone: a 11 anni anche Endo venne battezzato e questo ebbe una profonda influenza sulla sua formazione e sulle sue opere.
La guerra lo costrinse a interrompere gli studi per lavorare in una fabbrica di munizioni, ma contemporaneamente iniziò a collaborare con alcune riviste letterarie. Inizialmente iscrittosi a medicina, l'interesse per la letteratura francese lo spinse a cambiare corso di studi e a partire per l'università di Lione, dove si laureò nel 1954, lo stesso anno di pubblicazione del suo primo romanzo "Shiroi Hito", che vinse l'Akutagawa Prize.
In Francia però si ammalò la pleurite e, tornato in Giappone, passò in ospedale due anni e poi altri tre in un secondo momento.

scrivilo per noi

giovedì 17 gennaio 2013

Scrivilo per noi: il book-crossing di LiberaLibri


Il giovedì è solitamente per noi il giorno delle notizie ed è per questo che abbiamo scelto di pubblicare oggi questo articolo inviatoci dalla nostra lettrice Anna Vitali, che ci racconta un'iniziativa di scambio libri dell'Associazione culturale H2.

L'ho letto su facebook la scorsa settimana, non ho resistito e sono andata: sabato 12 gennaio sono andata a Piazza della Balduina (Roma Nord) ancora incredula sull'iniziativa, ma era tutto vero, e loro erano lì. Un sacco di libri, da poter prendere gratuitamente o lasciandone di altri.
Una sorta di book crossing organizzato, senza la paura che il libro che lasci resti abbandonato su una panchina.
L'evento si chiama Libera Libri e ho scoperto che si tiene spesso, in varie parti di Roma, ma soprattutto che per i libri non adottati c'è uno spazio permanente: è un bar in Viale Medaglie d'Oro 144, e anche qui si può prendere e lasciare liberamente, senza obblighi e senza costi.
scrivilo per noi

mercoledì 16 gennaio 2013

In redazione: scegliere un libro (II)



Riprendiamo il discorso lasciato in sospeso la scorsa settimana. Abbiamo visto da cosa dipende, ai piani alti delle redazioni, la scelta finale su cosa pubblicare e cosa no. Ma a monte c'è l'operazione di lettura di centinaia e in alcuni casi migliaia di manoscritti, e ora vedremo come funziona.

Quello del lettore di manoscritti è un lavoro che può essere affascinante, ma va fatto nel modo giusto altrimenti può diventare frustrante e soprattutto può non essere efficace. Non è un trucco e nemmeno un potere soprannaturale quello di capire un intero libro in pochissimo tempo, basta saperlo fare. Certo di base ci vuole una forte predisposizione alla lettura e un archivio mentale di tutto ciò che si è letto in precedenza, una cultura letteraria piuttosto vasta, insomma. Ma un po' di metodo non guasta, e allora, ecco qualche consiglio.

Per cominciare, la trama non è tutto. Volersi soffermare su ogni dettaglio dell'intreccio è operazione controproducente oltre che tediosa, perché non aggiunge niente alla lettura del libro e anzi potrebbe mortificarlo. Quante volte una sinossi sbagliata vi ha fatto decidere di non comprare un libro? Un po' come la parafrasi di una poesia.
scrivilo per noi

martedì 15 gennaio 2013

5 tips: il romanzo storico


Uno degli errori che riscontriamo più spesso nella lettura di manoscritti è la collocazione temporale e la ricerca delle fonti, in particolare quando si tratta di romanzo storico: che sia ambientata un decennio o un millennio fa, la narrazione ha bisogno di essere contestualizzata, ma spesso le informazioni sono didascaliche o non convergono verso la verosimiglianza del racconto. La nostra rubrica anglofona ci accompagna questa settimana nel periglioso universo del romanzo storico.

1. Why are you writing this stuff?
Ora più che mai, chiedetevi se c'è davvero un motivo valido per ambientare la storia nel passato. Magari avete una passione smodata per la belle epoque o per l'antica Roma, ma il fascino di un'epoca potrebbe non essere sufficiente. Visto che ambientare un romanzo nel passato è una fatica non da poco, pensate prima se vale la pena. In secondo luogo, assicuratevi che la collocazione temporale garantisca ai vostri personaggi l'adeguata dose di conflitto interno ed esterno di cui la storia ha bisogno per funzionare.

scrivilo per noi

lunedì 14 gennaio 2013

La classifica dei libri e degli ebook più venduti in Italia



La prima classifica del 2013 relativa ai libri più venduti è ancora intrisa e influenzata dalle festività natalizie e dai regali, mentre i debutti del 2013 sono ancora molto timidi. Per quanto riguarda gli ebook, questa volta toccherà alla classifica degli store on-line LaFeltrinelli.

Classifica Nielsen Bookscan per Tuttolibri – 12 gennaio

1) Jeff Kinney, "Diario di una schiappa. Si salvi chi può", Il Castoro.
È il più recente capitolo della fortunata serie "Diario di una schiappa" a conquistare la testa della classifica. Uscito il 3 gennaio, è stato probabilmente un regalo dell'ultima ora molto gettonato.

2) Luis Sepulveda, "Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico", Guanda.
A due mesi dall'uscita la favola di Sepulveda resiste ancora nel gradimento di bambini e non solo.

3) Massimo Gramellini, "Fai bei sogni", Longanesi.

4) Benedetto XVI, "L'infanzia di Gesù", Rizzoli.

5) John Grisham, "L'ex avvocato", Mondadori.
Insieme a "Si salvi chi può" è l'unica uscita del 2013 entrata già in classifica. Arrivato sugli scaffali a tempo di record (negli Stati Uniti è uscito alla fine di ottobre), "The Racketeer", questo il titolo originale, è la storia del misterioso omicidio di un giudice federale, che può essere risolto solo grazie a Malcolm Bannister, un avvocato ora in prigione.

6) J. K. Rowling, "Il seggio vacante", Salani.

7) Luciana Littizzetto, "Madama Sbatterflay", Mondadori.

8) Lilli Gruber, "Eredità", Rizzoli.

9) E. L. James, "Cinquanta sfumature di grigio", Mondadori.

10) Paolo Fox, "L'oroscopo 2013", Cairo.
scrivilo per noi

venerdì 11 gennaio 2013

Scrivilo per noi: Alla scoperta di Aimee Bender


Eccoci di nuovo a pubblicare l'intervento di un nostro lettore, per la rubrica Scrivilo per noi. Come di consuetudine il venerdì, Davide S. ci parla di qualcosa che ha letto e la cui scoperta vuole condividere con noi. Non è un bestseller, ma almeno tra i seguaci di minimum fax e della letteratura contemporanea americana ha avuto molti apprezzamenti. Stiamo parlando di Aimee Bender, autrice tra le altre cose dei due romanzi "L'inconfondibile tristezza della torta di limone" e "Un segno invisibile e mio".

I racconti, ossia la maggior parte della sua produzione letteraria, ancora non l'ho letta né acquistata. In realtà, diciamo che sto procedendo alla rovescia, nel senso che per pura casualità mi sono imbattuto nel suo ultimo romanzo quando ancora la libreria MelBookstore di via Nazionale a Roma conservava uno scaffale tutto dedicato a Minimum Fax (del resto ancora non era stata acquistata dal gruppo Ibs). Ne sono rimasto piacevolmente colpito, ma mi è rimasto un languorino, come un desiderio di assaporare ancora quella torta. E così quando qualche mese fa mi è capitato tra le mani l'esordio, "Un segno invisibile e mio", non ho resistito e l'ho letto immediatamente.
scrivilo per noi

giovedì 10 gennaio 2013

Lulu elimina la protezione Adobe DRM


Qualche giorno fa, elencando le notizie che ci piacerebbe leggere nel 2013, avevamo riservato un posto anche alla speranza che il mercato degli ebook si sbarazzasse dell'Adobe DRM – inutile per evitare la pirateria e fastidioso per l'utente, oltre che costoso per l'editore – in favore di un più sensato Social DRM.

Oggi, anzi poche ore fa, la piattaforma on-line di self publishing Lulu.com ha annunciato via newsletter che dal 15 gennaio "interromperà il supporto di Adobe Digital Rights Management".

Queste le scadenze annunciate da Lulu:
- dal 15 gennaio non si potrà più applicare l'Adobe DRM ai nuovi ebook e alle revisioni di quelli già presenti. Gli utenti dovranno provvedere a eliminare la protezione da tutti i loro ebook;
- dal 12 marzo gli ebook che ancora presentano l'Adobe DRM saranno tolti dal commercio fin quando non verranno modificati;
- dall'11 giugno i server Adobe DRM di Lulu cesseranno di funzionare.

In un post sul blog di Lulu viene spiegata così la scelta:
scrivilo per noi

In redazione: scegliere un libro (I)


Dopo i post sul lavoro dell'editor, ritorniamo con qualche approfondimento sul lavoro editoriale. Anche se, ci auguriamo, non siete nelle condizioni di Snoopy in questa vignetta, siamo convinti che il tema della selezione editoriale stia particolarmente a cuore a chi ci legge, scrittore o redattore che sia.

Come funziona la selezione editoriale? Come si arriva a scegliere il libro da pubblicare? È vero che vengono lette solo poche pagine e che il marketing decide tutto? Sono queste le domande più frequenti che riceviamo sul tema della selezione, e sono quelle a cui cercheremo di dare risposta nel post di oggi.

Innanzitutto, chiariamolo una volta per tutte: la scelta non dipende solo dalla qualità del testo. E per quanto molti autori protestino di fronte a questo punto, la verità è che un libro non è fatto solo di testo e perciò è impensabile che un editore non pensi ad altro. Del resto, mettetevi dall'altra parte: quanti elementi influenzano la vostra scelta quando entrate in una libreria? Se decidete di non leggere un libro, non vuol dire che non sia buono.
scrivilo per noi

mercoledì 9 gennaio 2013

USA: i libri in uscita e le classifiche



Bentornati con l'appuntamento dedicato all'editoria d'oltreoceano, per chi vuole sapere cosa si legge negli Stati Uniti e chi, grazie alle librerie on-line, non vuole aspettare i tempi di pubblicazione italiani per avere tra le mani il nuovo libro del proprio autore preferito. Per quanto riguarda le tendenze, il thriller è sempre il genere più fortunato, mentre nella classifica ebook si può notare il successo del self-publishing digitale negli USA.

Brad Meltzer, "The Fifth Assassin"
Meltzer, uno dei maestri del "political thriller", dà un seguito al fortunato "The Inner Circle". Il protagonista, Beecher White, scopre che a Washington qualcuno sta ricreando i crimini dei quattro attentatori che, nel corso della storia, sono riusciti a uccidere un presidente degli Stati Uniti. Indagando su questa apparente casualità, Beecher scoprirà qualcosa che va oltre il rischio di un nuovo attentato, e che assomiglia invece a un complotto contro l'America che va avanti da oltre un secolo.

Ian Rankin, "Standing in another man's grave"
Nel nuovo romanzo, lo scrittore scozzese Ian Rankin riesce nell'impresa di far incontrare i due personaggi più famosi creati dalla sua penna, l'ispettore John Rebus (che ha debuttato in "Cerchi e croci" nel 1987) e Malcolm Fox, l'agente dell'Unità Affari Interni di Edinburgo apparso per la prima volta in "The Complaints" del 2009.
Il protagonista è comunque Rebus, che torna con la diciottesima avventura dopo 5 anni dall'ultimo romanzo. L'ispettore, ormai in pensione, viene richiamato sul campo da Nina Hazlitt, che lo assume per indagare sulla somiglianza tra la scomparsa di sua figlia nel 1999 e due casi recenti che presentano le stesse caratteristiche.

scrivilo per noi

martedì 8 gennaio 2013

5 Tips: la revisione del romanzo


Ora che tutte le feste sono via, eccoci di nuovo in piena attività, probabilmente come tutti voi. E allora, per chi non vede l'ora di rimettersi al lavoro, magari su un manoscritto appena terminato, ecco qualche consiglio per la revisione del romanzo, come sempre dal mondo anglosassone.

1. Read out aloud.
Si dice che lo facesse anche Flaubert, perciò per quanto lungo sia il vostro romanzo non avete scuse, dovete rileggerlo ad alta voce, dall'inizio alla fine. All'inizio c'è chi prova imbarazzo, ma superata questa prima fase la rilettura ad alta voce sarà la prova del 9: se una frase non suona bene, o non si riesce a intonare nella giusta maniera, vuol dire che c'è qualcosa di sbagliato.
scrivilo per noi

lunedì 7 gennaio 2013

I libri in uscita in Italia: 7-13 gennaio



Dopo la pausa natalizia, torniamo con l'appuntamento settimanale dedicato alle uscite librarie italiane. Tra novembre e dicembre si è consumata la stagione delle strenne, poi le uscite hanno rallentato con l'approssimarsi delle festività, ora si riparte con le prime novità del 2013.


Andrea Camilleri, "Il tuttomio".
Il sempre prolifico Camilleri abbandona momentaneamente Montalbano e la sua Vigata. In questo romanzo dalle ascendenze lolitesce, ma ispirato alla tragica vicenda di cronaca dei Marchesi Casati, la protagonista è la giovane Arianna, sposata al maturo Giulio.
Il fragile equilibrio della coppia viene gradualmente a scemare man mano che Arianna, immersa nelle proprie fantasie, perde il contatto con la realtà.
Mondadori, 200 pp., 16 €. In uscita l'8 gennaio.

Manuel Vazquez-Montalban, "La bella di Buenos Aires"
Sono passati già 10 anni da quando Vazquez-Montalban morì improvvisamente di infarto. Nella ricorrenza della morte, Feltrinelli propone un inedito di Pepe Carvalho, l'investigatore privato creato dalla penna dello scrittore catalano.
In questa nuova avventura, il detective indaga sulla morte di una barbona, che potrebbe essere la splendida ragazza argentina che anni prima arrivò in Spagna per sfuggire al regime dei militari.
Feltrinelli, 160 pp., 10 €. In uscita il 9 gennaio.

Cristina Comencini, "Lucy"
Diventata, specialmente dopo "La bestia nel cuore", una voce di riferimento della narrativa italiana, la Comencini torna a quattro anni dal suo ultimo romanzo con una nuova opera.
Lucy è un australopiteco studiato da Sara, la protagonista del libro, antropologa: lasciata dal marito e dai figli, Sara sparisce senza lasciare notizie di sé.
Sara è malata, ma è soprattutto la solitudine a definire la sua vita.
Feltrinelli, 208 pp., 15 €. In uscita il 9 gennaio.

scrivilo per noi